Aikido Kashin Blog - Aikido Dojo Kashin Roma

Aikido Kashin Roma
d.t. Roberto Martucci sensei 6° Dan
Vai ai contenuti

La scintilla

Aikido Dojo Kashin Roma
Pubblicato da in Riflessioni · 28 Dicembre 2010
Tags: aikidoiniziokashin
Ci sono due cose interessanti da capire in Aikido: il perchè si comincia  e cosa spinga a continuarlo. Le motivazioni della seconda questione  sono generalmente in continua evoluzione mentre conosciuta a tutti noi è  la scelta dell'inizio della pratica. Ciò che abbiamo voluto stimolare  tra i praticanti del Kashin è il ricordo della "scintilla" iniziale, il  motivo che ha portato a togliersi le scarpe e salire sul  tatami. Proponiamo, a seguire, degli estratti di alcuni interventi .


Il motivo per cui ho iniziato a  praticare Aikido è la voglia che ho di maturare nel carattere, crescere e  aprirmi di più agli altri e anche verso me stesso….
All’inizio  pensavo di praticare il Kendo, essendo un ammiratore dell’arte della  spada. Quando però ho sentito parlare dell’Aikido e mi sono informato un  po’ su cosa fosse, sono rimasto colpito profondamente dalla sua  filosofia e dalla componente etica e morale dei suoi insegnamenti, che  spero di poter approfondire sempre più. Inoltre avevo la possibilità di  imparare ad utilizzare la spada, quindi non potevo desiderare di meglio!
Il  primo giorno di lezione ero molto teso. Mano a mano che però si andava  avanti nella lezione una cosa mi ha sorpreso piacevolmente: la  sensazione di serietà e concentrazione mista ad una grande tranquillità  che si avvertiva sul tatami….
Mattia

Perché ho cominciato a praticare Aikido ?
Lo devo ai ragazzi con cui lavoro quasi ogni giorno.  La loro fisicità,  il loro bisogno di contatto, o forse il mio bisogno di contatto. Ad un  certo punto durante il mio lavoro con gli adolescenti mi sono reso conto  dell’importanza di una presenza anche fisica. Però non stavo cercando  un’arte marziale violenta. Ma un qualcosa di più elevato che mirasse  alla costruzione della persona piuttosto che alla distruzione…..E così  mi presento alla lezione….
Mi piacevano i movimenti, sembravano pure semplici ! Poi ho sentito  parlare Roberto Sensei, c’era una sinergia tra quello che faceva e  quello che diceva, c’era una sinergia tra quello che facevo nella mia  vita quotidiana e quello che diceva Roberto.
Allora ho cominciato a praticare, capire il concetto della flessibilità,  dell’ascolto, della rigidità è stato molto complicato. Non ero  convinto, “se una cosa ti fa male non è chiudendoti ma aprendoti che  migliori la situazione”. BOM. Ad un certo punto mi arrendo. E anche al  di fuori del Tatami mi sono portato questa idea.  .. Adesso penso, e sicuramente lo devo anche all’aikido, che se si  ascolta quello che la persona ha da dire non servono le spade (come  diceva Morihei), ma una sana presenza.
Gian Luca



Vengo da passate esperienze marziali  per nulla concluse. Esattamente vengo dal kali, da dieci anni di studio  del coltello. Ho cercato sempre di sviluppare due cose, la velocità e  l’aggressività, per farla molto breve volevo somigliare nella mia  fisicità ad un serpente. Saltare, arrotolarmi, chiudermi sono stati il  mio pane per anni….. Un giorno uno dei miei maestri estremamente  sensibile alla multidisciplinarietà mi ha seccamente detto “vai da  questo signore ( il nostro Sensei ) che può insegnarti qualcosa”…
Ancora  non so cosa porterà l’aikido nella mia vita, sò cosa ha fatto in meno  di un anno.  Innanzitutto mi ha aperto la testa su una necessità di  concentrazione che spinto dai muscoli non avevo mai avuto, troppo  difficile afferrarmi, troppo bello farsi afferrare. E poi, la capacità  di fare gruppo, di capire come si fa per diventare adulti nello spirito,  tutto condensato in gesti, tutto volto a completare l’animo senza  distruggerlo…
Ivan

Premetto che l’idea di un  combattimento puro, senza rabbia o rancori, tra due individui a mani  nude è un concetto che mi ha sempre affascinato. Ti permette senza ombra  di dubbio di conoscere quali sono i tuoi limiti, sia fisici sia mentali  perchè ti dà la possibilità di capire quanto oltre saresti disposto a  spingerti, cosa per nulla scontata.
Così  visto che finora i vari tipi di sport che ho praticato: nuoto,  pallavolo, basket, non mi hanno soddisfatto mai abbastanza e un anno  passato in palestra a curare il corpo l’ho trovato molto noioso e poco  appagante ho detto perchè no?!
..  La scelta è ricaduta sull’Aikido per vari motivi. Primo è una  disciplina. Secondo è la “via dell’armonia (e chi non ne ha un po’  bisogno) e dell’energia”. Terzo è una disciplina difensivista (anche  potendo far male al tuo avversario lo scopo è neutralizzarlo).
Il passo successivo alla scelta è stato venire a vedere di persona che tutto ciò di cui avevo letto mi colpisse davvero.
Beh  quando sono entrato nella palestra ed ho visto la serietà ed allo  stesso tempo la naturalezza e la tranquillità negli occhi di tutti voi  praticanti ho capito che quel qualcosina in più che cercavo forse  l’avevo davvero trovato…
Matteo



La prima volta è stata un silenziosa e pazzesca scoperta…che ancora continua…   Il maestro non parlava molto con le parole, mostrava e faceva molto con il corpo…  Ero l’unico nuovo…non capivo nulla…era difficile…ricordo sudore, fatica a comprendere , ascoltare “il mio corpo”, rigidità…  dopo alcuni mesi volevo lasciare…. ma c’era ancora tanto da scoprire ed ho continuato… a “studiare” e praticare…
Fare aikido è scoprire se stessi negli altri e gli altri in se stessi  finchè la differenza tra se stessi e gli altri non esiste più e tutto è  come il quadro ora appeso nel dojo…
Riccardo

Lavoravo come danzatore in  un gruppo di contact improvvisation (danza ricerca). Nel 1982 Hosokawa  Sensei  per un periodo collaborò con il nostro gruppo trasmettendoci  principi dell’arte che noi traducevamo in suggerimenti creativi per la  danza. Nel 1985 conobbi e praticai per un anno con Sensei Martucci.
Vicissitudini  un pò negative mi allontnarono dall’Aikido fino al 1994 anno in cui  ripresi con Sensei Martucci la pratica, il ’94 in un certo senso lo  percepisco come l’anno di consacrazione alla disciplina. Sono passati 16  anni da allora.
Chiedo scusa se  queste righe possono sembrare un curriculum, in verità è solo un modo  per sottolineare quanto in questi anni l’Aikido lentamente, sottilmente e  intelligentemente, mi ha migliorato come individuo continuando  tutt’oggi a forgiare, suggerire, ampliare, la crescita del mio essere.
Italo

Ho iniziato con la  consapevolezza di voler abbandonare vizi e schemi ormai consolidati, e  per questo inutili o dannosi. Ho praticato karate per diversi anni; è  stata un’esperienza molto costruttiva, piena di soddisfazioni, un po’ di  dolori e tanto allenamento. ….Poi, per varie circostanze, sono cambiate  un po’ di cose; la sicurezza che mi ha accompagnato per lungo tempo è  venuta meno (il ki va nutrito con una sana pratica, che non si limita  all’esecuzione di forme o schemi prestabiliti).
L’aikido  mi aiuta a scoprirmi nell’intimo; capisco perfettamente che quest’arte  lavora sull’esclusione, sulla pulizia, senza decori ed abbellimenti.  Quindi, per lavorare bene, devo utilizzare quello che ho, cioè il corpo e  la mente, meglio ancora il “corpomente”.
Quando  assaporo quegli istanti di cui parlavo prima mi accorgo che è il  corpomente a vivere la pienezza. E’ magnifica la sensazione di aprirsi  verso l’esterno (il compagno, la tecnica, l’espressione) per capire il  proprio centro.
Alessandro





Aikido Kashin Roma © 2019

Aikido Kashin Roma asd
via Casilina 761 - 00177 Roma


Tel: +39.339.73.12.008
Mail: info@aikidokashin.it
Torna ai contenuti