Aikido Kashin Blog - Aikido Dojo Kashin Roma

Aikido Kashin Roma
d.t. Roberto Martucci sensei 6° Dan
Vai ai contenuti

Racconti Zen - L'uomo e la tigre

Aikido Dojo Kashin Roma
Pubblicato da in Riflessioni · 29 Luglio 2011
Tags: Rimanerebloccatipresaimmobilizzazioneaikido
Un uomo stava camminando nella foresta  quando s’imbatté in una tigre. Fatto dietro-front precipitosamente, si  mise a correre inseguito dalla belva. Giunse sull’orlo di un precipizio,  ma per fortuna trovò da aggrapparsi al ramo sporgente di un albero.
Guardò in basso, e stava per lasciarsi cadere, quando vide sotto di sé  un’altra tigre. Come se non bastasse, arrivarono due grossi topi, l’uno  bianco e l’altro nero, che incominciarono a rodere il ramo.
Ancora poco e il ramo sarebbe precipitato.
Fu allora che l’uomo scorse accanto a sé una bellissima fragola.  Tenendosi con una sola mano, con l’altra spiccò la fragola e lo mangiò.  Com’era dolce!
Lao – Tzu

In alcuni attacchi di presa o strangolamento accade lo stesso….  Ci lasciamo “prendere” in tutti i sensi da uke e fissando l’attenzione  sulla “presa”, sull’ idea di qualcosa che ci blocca , ci paralizziamo  pensando a chissà quale soluzione…..
La soluzione è nella nuova considerazione della “presa” stessa…  “Lei” è un solo punto di un corpo che ne ha tantissimi altri e che  possono anche muoversi , è “lei” che ci vincola ad uke e non viceversa….    Quando “lei” prova a catturare la nostra attenzione, se invece di  fissarla (pensando in modo specifico) la allenassimo a fluire  velocemente da una cosa ad un’altra, coglieremmo subito la soluzione :  spostare l’attenzione stessa su ciò che in noi, ed intorno a noi, è  libero…..   Nell’attimo della “presa”, ci sono tanti altri attimi di “non presa” che contemporaneamente accadono….
Carpe diem.
Riccardo





Aikido Kashin Roma © 2019

Aikido Kashin Roma asd
via Casilina 761 - 00177 Roma


Tel: +39.339.73.12.008
Mail: info@aikidokashin.it
Torna ai contenuti