Aikido Kashin Blog - Aikido Dojo Kashin Roma

Aikido Kashin Roma
d.t. Roberto Martucci sensei 6° Dan
Vai ai contenuti

Un anno a Roma

Aikido Dojo Kashin Roma
Pubblicato da in Riflessioni · 4 Settembre 2012
Tags: aikidocathdaviesromakashin
Mentre  sono qui seduta a scrivere nel nostro appartamento a Trastevere a Roma,  rimangono circa 2 settimane prima del ritorno in Inghilterra, dopo un  anno in Italia.
Il mio partner ed  io ci siamo stabiliti a Roma per 13 mesi finché lei faceva ricerche, io  invece ... come ho potuto scoprire, non ho trovato abbastanza lavoro ma,  per fortuna, dell'ottimo Aikido. Roma, naturalmente, ha qualche  attrazione in più a parte l'Aikido, ma in questo articolo mi atterrò  all' Aikido e terrò le stravaganti storie sul gelato per un'altra  occasione!
Ho fatto un  ricerca sui dojo prima di lasciare il Regno Unito e, ignorando i dojo  che erano a pochi minuti a piedi da casa, ho scelto l' "Aikido Kashin  Roma", il dojo di Roberto Martucci Sensei.


Roberto Sensei è uno studente di Endo Sensei con un lungo passato con Tissier Sensei.  Il  video di YouTube che ho visto prima di partire dall' Inghilterra  mostrava chiaramente l'influenza di Endo Sensei e ho realizzato che era  lì che mi volevo allenare!
Un anno senza una  macchina ha significato un doppio viaggio ogni settimana verso il Dojo a  Centocelle con il trasporto pubblico: un'ora per ogni tragitto su  autobus e "trenino".  Per fortuna, ero ben servita dai mezzi pubblici e quindi non è  risultato essere un incubo, un' esperienza quasi impossibile se fosse  stato nel West Midlands!
Il dojo è nella  palestra di una scuola, con tatami fisso, segreteria, spogliatoi e  docce. Ci sono circa 60 studenti iscritti con circa 20 - 30 che sono sul  tappeto in qualsiasi momento. Il dojo è leggermente seminterrato che,  nel caldo dell'estate, significa essere appena poco al di sotto di un  caldo insopportabile: quando hai sudato per strada oltre che nei mezzi  pubblici affollati, sei grato anche per un così piccolo sollievo,  credetemi!
Una clip di  YouTube di tre minuti dà solo un’instantanea di uno stile d’Aikido  personale: ti dice poco del carattere e niente dello stile di  insegnamento o della qualità della maggior parte degli studenti. La mia  prima visita al Dojo mi ha fatto capire di esser davvero capitata in una  circostanza fortunata sotto molti aspetti e nel corso dell’anno mi sono  sentita privilegiata di far parte del Dojo e di sentirmi così accolta  in quel luogo.  Salutarci sarà un momento molto triste ...

Allora, come è  stato l' Aikido qui? Ampiamente seguita la linea di Endo Sensei, molta  enfasi è posta sulla qualità del contatto, il timing e sull' attenzione  dello stato del proprio corpo in modo da risultare consapevole nel  rispondere ad ogni incontro a quanto che accade internamente.
Credo che questo  sia fondamentale per lo sviluppo dell'Aikido, al di là del produrre  un'onesta copia di base delle tecniche; sono stata felice di poter  trascorrere un anno di studio così. Nel corso  dell'anno, seminari con Jan Nevelius Sensei (Vanadis Aikido Dojo,  Stoccolma - Svezia) e Dirk Müller Sensei (Shoshin Dojo, Amburgo -  Germania), così come il regolare allenamento con Roberto Sensei ed suoi  studenti, hanno creato un ambiente d'allenamento molto favorevole per  me, dandomi modo di sviluppare le mie idee, il pensiero, la pratica e la  comprensione di questi aspetti. Alcuni dei miei  più importanti risultati aikidoistici di quest'anno sono stati: andare  con il Dojo a Vienna per partecipare ad uno dei seminari di Endo Sensei,  frequentare una parte del loro primo Summer School (nota: "Summer  School e Vacanza", si svolge in un villaggio turistico sulla spiaggia!);  partecipare ad esami per yudansha e passaggi di grado kyu ed essere  anche invitata a tenere un seminario presso il Dojo. In tutti questi  eventi, molti di voi sapranno che il piacere non è semplicemente  nell'allenamento vero e proprio, ma nelle relazioni nate al di fuori del  tatami, e certamente così è stato durante l'anno trascorso.
Gentilezze  venivano espresse più e più volte - qualcuno si prendeva la briga di  parlare lentamente in italiano per me, di tradurre quando si vedeva che  non avevo capito o guidare dall'altra parte della città completamente al  di fuori della loro zona, per darmi un passaggio – che hanno lasciato  un indelebile ricordo; spero di avere la possibilità di restituirle loro  un giorno.

Per concludere,  sento che questo è stato un anno molto proficuo per il mio personale  sviluppo dell'Aikido e ho molto di cui ringraziare Roberto Sensei e gli  studenti del Kashin Dojo. Non vedo l'ora di proseguire la condivisione  del mio Aikido all'interno della UKA sperando che continuerà ad  integrarsi e fondersi con l'insegnamento di tutto il resto del corpo  docente dell’ UKA.

Cath Davies
tratto dalla rivista on line dell' Aikikai U. K.





Aikido Kashin Roma © 2019

Aikido Kashin Roma asd
via Casilina 761 - 00177 Roma


Tel: +39.339.73.12.008
Mail: info@aikidokashin.it
Torna ai contenuti