Aikido Kashin Blog - Aikido Dojo Kashin Roma

Aikido Kashin Roma
Responsabile didattico Roberto Martucci sensei 6° Dan
Vai ai contenuti

Il concetto di "Do"

Aikido Dojo Kashin Roma
Pubblicato da in Letture · 24 Marzo 2018
Tags: AikidōAikidoEndoDoGiappone
Ai  giapponesi piace parlare del concetto specifico di "via" (Do), che  credono possa essere trovato in quasi tutte le attività umane. Concetto  che trasforma ulteriormente qualsiasi attività scelta in una ricerca  spirituale quale obiettivo ultimo.
È molto difficile catturare e  definire il concetto di "via". Questo non può essere determinato  concettualmente, ma piuttosto attraverso l'esperienza fisica.
Lao-tzu e Chuang-tzu perseguirono le origini di tutte le cose  nell'universo e il principio di unità. Questo è "Tao" o "via" in  giapponese.
Questa idea di "via" indica l'unificazione delle cose in  opposizione e l'integrazione della varietà. Ciò sottolinea l'importanza  dell'unità in tutte le cose, mentre le cose unificate, universali e  assolute , hanno la priorità su tutto.


Per unificare le cose in  opposizione è necessario liberarsi da un modo di pensare basato sulla  dicotomia e l'antagonismo su cui si basa la nostra vita quotidiana. Ad  esempio, dobbiamo smettere di discriminare tra bello e brutto, grande e  piccolo, forte e debole, e cercare invece l'essenziale.
Nell'integrare la varietà, è necessario riconoscere gli elementi comuni  nella diversità. Il taoismo mira a unificare la diversità e sottolinea  la consapevolezza delle relazioni reciproche all'interno dell'universo.
Lao-tzu disse: " Studiare è accumulare quotidianamente.  Perseguire il  Tao è sottrarre quotidianamente. Questa continua riduzione alla fine  conduce al non fare e tutte le cose sono fatte". Così si richiama  l'attenzione non sull'acquisizione di una conoscenza apparente, ma sulla  consapevolezza della radice delle cose.
Siamo già stati legati da tale dicotomia nel nostro modo di pensare quando abbiamo iniziato a studiare l'Aikido.
Siamo tutti consapevoli degli elementi opposti come se stesso e gli  altri, uke e tori, forte e debole, ecc. La nostra visione della pratica è  focalizzata principalmente sul nostro sé, sul tori e sulla forza.  Tendiamo anche ad essere soddisfatti quando padroneggiamo molte  tecniche. All'inizio, lo studente persegue ogni singola tecnica  ragionando, analizzando, considerando e cercando di raggiungere un fine.  Tuttavia, quando pratichiamo da molto tempo, dobbiamo liberarci di  questa dicotomia o opposizione cosciente e sforzarci di praticare più  naturalmente, concretamente e intuitivamente. Perseguire questo tipo di  sforzo, credo che condurrà a cercare l'Aikido in quanto "via".

Endo Seishiro.

Traduzione originale dal giapponese all’Inglese di Arita Reiko.
Foto Susanna Franchetti.




Aikido Kashin Roma © 2019

Aikido Kashin Roma asd
via Casilina 761 - 00177 Roma


Tel: +39.339.73.12.008
Mail: info@aikidokashin.it
Torna ai contenuti