Aikido Kashin Blog - Aikido Dojo Kashin Roma

Aikido Kashin Roma
Responsabile didattico Roberto Martucci sensei 6° Dan
Vai ai contenuti

Lo stretching del Cuore

Aikido Dojo Kashin Roma
Pubblicato da in Seminari · 15 Ottobre 2018
Tutto era pronto. Il Dojo illuminato da  un'intensa luce bianca che faceva risplendere la grande distesa verde del  tatami, disegnando il luogo perfetto che avrebbe accolto l'intensa esperienza che di lì a poco avremmo vissuto insieme.
Oltre  cento praticanti condividevano quello spazio, quasi fuori dal tempo,  nella fremente attesa di ricevere gli insegnamenti di colui che è già mito.



La  concentrazione nell'entrare in noi stessi, ci condusse verso la  consapevolezza del corpo e delle nostre possibilità di movimento... pian  piano la cedevolezza e una presente morbidezza, cominciarono ad entrare  sempre più nella pratica rendendola fluida, serena ed  amabilmente gioviale.
L' azione diventava sempre meno spigolosa, più morbida, armoniosa, fino a sfociare in una silenziosa, totale, connessione tra praticanti.

Questa intensa  relazione avvolgeva tutti gli studenti, andando a confluire e  rigenerarsi nell'esempio di Endo Sensei che, in uno stato quasi di grazia, regalava copiose esperienze di vita vissuta nell'Aiki.  
La  nostra attenzione veniva guidata, costantemente, verso il  rapporto armonico che naturalmente sussiste tra le componenti interne  dell'essere umano: mente, spirito e cuore, entità diverse e distinte che insieme danno senso alla pratica di ogni aikidoka.



Più  si procedeva nella ricerca del punto di equilibrio, più il nostro  allenamento diventava corposo ed intenso: tutti gli elementi erano in  gioco...  sensazioni interne generavano il naturale movimento: nessuna  tecnica, tutte le tecniche.
L'insegnamento  di Sensei ci conduceva oltre l'apparenza delle azioni esterne, facendoci  superare il concetto di forma fine a se stessa, verso il senso  più profondo dell'Aikido.

Estrema  importanza si poneva sul "sentire" del praticante, sull'attitudine del  proprio Cuore, su come ogni lezione e ogni seminario debba iniziare con  un vero e proprio allenamento, una sorta di "stretching" del Cuore che  lo renda più duttile e sempre pronto ad accogliere ciò che accade ed  accadrà nella nostra esistenza.
Molti gli scambi tra praticanti, molti gli scambi con Endo Sensei che concedeva senza riserve ad ognuno di noi.



Ecco  l'esempio che si manifestava nella sua persona: non praticare Aikido ma  essere Aikido in ogni situazione, dove lo scambio reciproco sia  vissuto come comunicazione di sensazioni, in costante ricerca di unità  in un rapporto di ascolto e comprensione.

Partecipazione, organizzazione ed una docenza  di mirabile livello che, fondendosi insieme, hanno dato vita ad  un'esperienza comune che rimarrà per molto tempo nell'animo di tutti noi.
Un  ringraziamento profondo per questa superba occasione, nella quale Endo  Shihan ha riversato l'anima più intima della propria conoscenza.




Aikido Kashin Roma © 2019

Aikido Kashin Roma asd
via Casilina 761 - 00177 Roma


Tel: +39.339.73.12.008
Mail: info@aikidokashin.it
Torna ai contenuti